Merkzettel
()
Parco Naturale Gruppo di Tessa in Alto Adige
www.suedtirol-ferien.it

Museo mineralogico di Tiso


Museo mineralogico di Tiso

Museo mineralogico di Tiso - Funes

Via: 
Pro Loco di Tiso
Cap/Città: 
I-39040 Funes (BZ)
Tel.: 
+39 0472 844522
Fax: 
+39 0472 844544


Lo scintillante splendore dei cristalli delle geodi di Tiso�e dei minerali alpini

Lo splendido museo mineralogico ha sede nella casa delle associazioni nel centro di Tiso, località della Val di Funes in Alto Adige, ad appena 7 chilometri dall’Autostrada del Brennero (uscita di Chiusa). Gli esperti in esposizioni lo hanno allestito armonizzando efficacemente la fantasia creativa con i più recenti criteri pedagogico-museali.Un filmato introduttivo offre anche al visitatore inesperto un’esauriente panoramica sull’origine e la natura dei cristalli esposti nel museo. Nel negozio del museo potrete trovare una bibliografia.

La collezione

Paul Fischnaller è il «cercatore di cristalli», il collezionista di minerali, che ha raccolto tutti i pezzi in esposizione nel museo e che oggi si impegna nel promuoverli e nel farli conoscere. La collezione non offre però esclusivamente pezzi pregiati provenienti dalla zona di Tiso, ma anche da altre regioni da lui visitate, come ad esempio la Svizzera, la Valle d’Aosta, la zona del Monte Bianco e Idar Oberstein, nel Palatinato renano. La collezione non contiene pezzi frutto di scambio o acquisto e verrà costantemente aggiornata da Paul Fischnaller con l’aggiunta di nuovi, interessanti minerali.

I geodi - Luci preziose dal profondo

I geodi, che possono raggiungere anche un diametro di venti centimetri, e le amigdale di agata, sono incastonati nella roccia madre, un tufo di quarzo porfirico. Le cavità di queste «druse» racchiudono a volte fino a sette differenti minerali. Tra questi spiccano l’ametista e i cristalli di quarzo, con la loro trasparente purezza, e l’agata, con i suoi geometrici anelli colorati. Ogni cavità di geode racchiude il suo piccolo segreto di cristallo, che è ora possibile esplorare visitando il museo.

© Fotos: Lorenz Fischnaller



In Newsletter eingetragen.