Merkzettel
()
I Giardini di Castel Trauttmansdorff
www.suedtirol-ferien.it

Chiesa parrocchiale a Lana di Sotto


Chiesa parrocchiale a Lana di Sotto

Cap/Città: 
I-39011 Lana (BZ)


La chiesa parrocchiale di Maria Assunta a Lana di Sotto, che oggi conta circa 8000 anime, è stata fondata agli inizi del 1° secolo, quando venne eretta dai benestanti conti di Flavon. Nel 1170 i nobili Brandis (conti dal 1642 e ancora oggi presenti) comprarono le proprietá dei Flavon e così anche i diritti sulla parrocchia. Nel 1396 Papa Bonifacio IX. incorporò la parrocchia di Lana all’ Ordine Teutonico che ancora oggi la gestisce. Questo provocò un’ amara litefra i conti e l’ordine religioso, perché i signori di Brandis rivendicavano il diritto di baliato e solo nel 1728 venne raggiunto un accordo.
La posizione periferica della chiesa, provocata dalla rapida estensione del mercato verso nord, rese in tempi piú recenti necessaria la costruzione di una chiesa parrocchiale ausiliaria. Negli anni dal 1938 - 1943 e dal 1949 - 1950 venne eretta così la bella chiesa di Santa Croce a Lana di mezzo.


L’ ALTARE DI HANS SCHNATTERPECK

È un meraviglioso trittico - il più grande nell’arco alpino- ed uno dei 5 più grandi altari di questo genere nell’ area linguistica tedesca. Secondo il contratto del 18 agosto 1503 i prevosti della chiesa ( Konrad Haug e Peter Saltuner ) ordinarono al “pittore“ Hans Schnatterpeck una tavola nuova, dai colori resistenti e dorata con l’oro dei ducati per l’altare maggiore della chiesa parrocchiale di Lana di sotto. La paga consisteva in 1600 Gulden (renani d’oro). La notevole somma venne in parte pagata con il vino.
Il termine di consegna era di otto anni. L’ altare in legno di castagno ( e non in tiglio) é alto 14,10 m e largo 7 m scarsi. Contiene 35 figure mobili e le loro altezze variano da 25 cm a 1,80 m. L’ altare venne scolpito in legno secondo il disegno dei prevosti, per illustrare agli abitanti la storia bibblica. Fu proprio la popolazione di Lana (allora circa 800 abitanti) a sostennero tutte le spese ed è quindi merito loro se nel 1778 l’altare non fu sostituito con un altare barocco.


In Newsletter eingetragen.